A Finale per un finale di preparazione, in vista dei primi appuntamenti agonistici di stagione… Intervista ai Green Biker (prima parte)

I membri del Green Project posano nella piazza di Finale Ligure - Foto Mondini Michele

I membri del Green Project posano nella piazza di Finale Ligure - Foto Mondini Michele

Dal 18 al 22 Febbraio 2012, il Green Project e i “vecchi “ del Team Todesco sono stati ospiti della struttura alberghiera “Hotel Rosita” di Finale Ligure (www.hotelrosita.it), per definire la preparazione tecnica sui sentieri che hanno già visto protagonista la compagine veronese nell’ottobre scorso, in occasione della prova conclusiva del circuito Superenduro.
E’ stata l’occasione per testare anche le nuove attrezzature e i nuovi materiali offerti dal pool di sponsor 2012: a partire dalle nuove S-Works 29″, offerte da Specialized Italia; le divise realizzate da Giessegi; i cashi, gli occhiali Carrera ed, infine, i prodotti energetici Fast & Up.

Per Andrea Righettini (Under), Mazzurega (Juniores), Daniel Tassetti e Stefano Freoni (Allievi) un banco test di affiatamento con i nuovi compagni di avventura e proprio con loro, abbiamo voluto fare quattro chiacchiere per conoscerli meglio.

Segue la prima parte dell’intervista al Green Team…

Cosa ti aspetti da questo nuovo e ambizioso progetto, battezzato Green Project?

Righettini: “Mi aspetto tanta professionalità e, non avendo mai avuto un preparatore, ora riesco ad essere seguito dalla squadra e da tutto lo staff. A dimostrazione di tanta serietà, ogni richiesta di dotazione tecnica è stata soddisfatta”.

Tassetti: “Le aspettative sono parecchie, per un progetto di alto profilo come questo e quindi posso dire che, mi è stata offerta un’ottima opportunità per crescere. Il team è molto quotato a livello nazionale, soprattutto per i risultati ottenuti nelle precedenti stagioni vittorie”.

Come ti sei trovato con i nuovi compagni di squadra in questo primo ritiro?

Righettini: “Mi trovo bene con tutti ma in particolar modo con Stefano Freoni, visto che riesco spesso a batterlo con l’iphone!”.

Tassetti: “Conoscevo già da un po’ i miei compagni, da quando ho iniziato con loro la preparazione invernale e devo ammettere di trovarmi proprio a mio agio”.

 Descrivi il tuo “cavallo di battaglia”.

Righettini: “Il mio Cavallo di battaglia è una Stumpjumper ht carbon 29’’, taglia 15,5 su tubolari e ruota Tufo. E’ molto rigido e particolarmente sofisticato. Differenze rispetto alla 26’’? Bhe, la 29’’ supera decisamente meglio gli ostacoli, ti da più sicurezza sul ripido e ha parecchio grip in salita”.

Tassetti: “Ho una Specy Swork Stj ht 26’’, tubolari XCLP, cerchi Tufo carbon. XC3 e rear XC3+. E’ una mountain bike più rigida, più maneggevole e permette rilanci e uscite di curva più veloci rispetto alla Scott, che avevo prima. Anche i cerchi più rigidi, reattivi e la trazione è maggiore.

Se e quali aspettative hai dalla stagione 2012?

Righettini: “Non posso fare a meno d’ammettere che farò il possibile per rientrare in Nazionale”.

Tassetti: “L’essermi affidato ad un personal trainer, mi ha fatto programmare la stagione per arrivare con il

picco di forma migliore alle gare più importanti, nelle quali cercherò di fare i migliori risultati del 2012”.

 Quali atleti temi di più?

Righettini: “Non c’è un avversario di cui ho maggior timore. I big li conosco tutti, perché ero stato con loro alle Olimpiadi Giovanili di Singapore, percui si è insaurato un ottimo rapporto di amicizia e complicità con tutti”.

Tassetti: “Temo Moreno Pellizzon, Dori Andrea, Bianchetti Robin”.

 Il campione preferito dello sport?

Righettini: “Il mio idolo è Martino Fruet. Lo ammiro sia a livello atletico, sia come persona e per questi motivi è il mio mentore”.

Tassetti: “Il Falco, Paolo Savoldelli, che con grande sacrificio ha raggiunto risultati eccellenti”.

Il 2012 è il tuo primo anno  di allenamento con il preparatore?

Righettini: “Diciamo di si e mi trovo molto bene, perché mi sento particolarmente seguito, pianificando gli allenamenti in modo tale da poter raggiungere i risultati migliori nelle gare più importanti”.

Tassetti: “ Si, la preparazione è decisamente più accurata e mirata, più tosta, ma sono certo che darà i suoi frutti. Negli anni scorsi assieme a mio padre pianificavano l’allenamento con tabelle meno mirate”.

Vuoi dirci qualcosa sulla scuola?

Righettini: “Fortunatamente terminata lo scorso anno. Ho studiato Ragioneria all’istituto tecnico di gestione aziendale e in attesa di scoprire cosa mi riserverà il futuro, mi prendo un cosiddetto anno sabbatico”.

Tassetti: “ Studio al liceo scientifico e il latino non è sicuramente la mia materia preferita”.

Il tuo miglio risultato fino ad oggi?

Righettini: “Nella vita… la morosa Chiara sportivissima, in procinto di diventare maestra di sci; nello sport, la vittoria del Campionato Italiano allievi al primo anno 2007 e l’argento alle Olimpiadi Giovanili di Singapore nel 2010”.

Tassetti: “Il mio miglior risultato è stato il terzo posto agli Internazionali d’Italia nel 2011”.

Righettini, Tassetti, Freoni e Mazzurega posano per le foto di rito - Foto Mondini Michele

Righettini, Tassetti, Freoni e Mazzurega posano per le foto di rito - Foto Mondini Michele

…grazie mille ragazzi e in bocca al lupo per l’imminente stagione 2012.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Login

Lost your password?